Deliziosa Inghilterra: i borghi più affascinanti nei dintorni di Londra

Sono stata in Inghilterra ormai molte volte (5 nella sola Londra), ma non ero ancora mai stata in alcuni dei borghi più belli del sud del paese, tra i più romantici delle regioni del West/East Sussex, del Kent e delle Midlands. Io ho potuto ammirarli nel periodo natalizio, ma sono certa che siano incantevoli anche in primavera ed estate, perfetti da visitare durante un viaggio in auto facendo base a Londra, che dista poche ore. Ecco il nostro itinerario!

I borghi più belli nel sud dell’Inghilterra

Inghilterra

Prima, alcuni suggerimenti: se viaggiate spesso all’estero e come questo caso state facendo un viaggio on the road organizzato e vissuto in autonomia, io consiglio sempre di fare una assicurazione sanitaria prima di partire. Perchè prevenire è meglio che curare, come quando si è a casa! E poi suggerisco anche di farne una relativa al noleggio dell’auto, se arrivate a Londra in aereo, perchè vi assicuro che la guida a sinistra non è così semplice come sembra, o almeno non lo è per tutti. Detto questo, potete trovare i luoghi di cui parlerò anche nella mappa numerata qui sopra e su quella che ho preparato su Pinterest.

Bene, partiamo?

1. Stratford-upon-Avon, il paese di Shakespeare

Il paese natale di William Shakespeare è un gioiellino sulle rive del fiume Avon, nella regione delle Midlands Occidentali e nella contea del Warwickshire. Non posso dirvi quante ore di auto dista da Londra, nel senso che dipende in quale zona della città vi trovate alla partenza; però posso dirvi che dall’aeroporto di Luton, dove sono atterrata io con Easyjet, dista circa 2 ore e 130 km, da percorrere sull’autostrada gratuita.

Stratford-upon-Avon, in Inghilterra

Il centro storico si gira in un’oretta: percorrete Henley Street per vedere la casa dove è nato e cresciuto Shakespeare, oltre al museo a lui dedicato. Arrivati alla rotonda, girate a destra in High Street: qui ci sono bellissime e storiche case a graticcio, tutte da fotografare. Quindi girate a sinistra in Sheep Street (la strada della pecora, sì): ora raggiungete il fiume per fare due passi tra i ponticelli e le barche ormeggiate al tramonto, prima di entrare in un locale e cenare vivendo la tipica e unica atmosfera dei pub tradizionali inglesi. Io vi consiglio, sempre in questa via, il Rose & Crown: arredamento in legno, salone immenso e bancone del bar come quelli di una volta; e capitare nel bel mezzo di una partita di football sarà il top (come è successo a noi)! Una cena per 2 con birra, acqua (chiedete la tap water del rubinetto, buona e gratis), un hamburger, del pulled pork con tortillas e salse varie (buonissimo) e la Oreo Cheesecake (assolutamente da sballo, ordinatela senza ombra di dubbio) costa circa 28 sterline. Assolutamente meritate!

Ah, le spoglie di Shakespeare e di sua moglie Anne Hathaway si trovano all’interno della Holy Trinity Church, in Old Town Street.

Stratford-upon-Avon

2. La romanticissima Canterbury, nel Kent

Un altro dei miei borghi preferiti (c’ero stata nel 2003 in vacanza studio) è Canterbury, nella contea del Kent, a circa un’ora di auto dalla zona sud-est di Londra (85 km), una delle più antiche città di tutta l’Inghilterra.

Cattedrale di Canterbury

La prima cosa che si visita, solitamente, è la Cattedrale di Canterbury, visibile anche da fuori le mura, dove vi consiglio di parcheggiare (ci sono molti parcheggi gratuiti). Protetta dall’Unesco, ospita le spoglie di Thomas Becket, arcivescovo della città nel 1162, e fa parte anche dei famosi Canterbury Tales, i racconti di Canterbury, opera del 1300 dello scrittore Geoffrey Chaucer. Di stile gotico, vi colpiranno la sua lunga e altissima navata centrale, insieme ai meravigliosi colori delle sue vetrate.

Canterbury

Superate l’arco con portone decorato che c’è proprio fuori dal giardino della chiesa e vi troverete nella piazzetta principale, nel cuore di Canterbury, tra Mercery Lane e Sun Street. Anche qui antiche case a graticcio popolano le vie del centro: proseguite a piedi lungo Mercery Lane per raggiungere la via pedonale, High Street Parade, piena di ristoranti, pub e negozi.

tè inglese

Girando a destra la potete percorrere raggiungendo una delle porte di accesso al centro storico, accanto a cui sorgono i Greyfriars Gardens, oltre il fiume Great Stour. E poi fermatevi in un caffè per bere un tipico earl grey tea con un bel cookie (biscotto) al burro con grossi pezzi di cioccolato: vi scalderà nelle giornate di pioggia!

Canterbury

3. Arundel, nella campagna inglese

Questo piccolo borgo sorge su una collina, sulla cui sommità si trova il Castello di Arundel, appunto, della metà del 1000. Nella via che porta al centro del paese ci sono due chiese, entrate, sono molto belle: la prima è la Cattedrale, la seconda è la chiesa di Saint. Nicholas, entrambe in stile gotico. E se cercate un posto per il pranzo, fermatevi al Red Lion, proprio nel cuore di Arundel: fanno ottimi e ricchissimi hamburger! Entrate, infine, in questo negozietto qui sotto in foto: troverete interessanti prodotti enogastronomici sia locali che esteri; si trova ancora una volta nella piazzetta centrale del borgo, non potete sbagliare.

Arundel

Arundel

4. Amberley e i cottage in pietra e paglia

Siamo nel West Sussex, non lontano da Arundel. Questo villaggio di campagna ha una stazione che dista poche centinaia di metri dal centro del borgo: qui i protagonisti sono antichi e romanticissimi cottage in pietra con tetti in paglia. 

La via principale porta alla piccola chiesa di St. Michael, in stile gotico: entrate nel vialetto e oltrepassate il cimitero. Varcando una porticina arriverete dietro alla chiesa, in quello che sembra un giardino segreto con fontane e statue. Continuando arriverete nella piazzetta antistante il vecchio castello di Amberley, che oggi è un rinomato hotel del gruppo Relais & Chateux, dove si svolgono ricevimenti e matrimoni. Se capitate in un giorno di nebbia, come è successo noi, tutto sarà ancora più suggestivo e tipicamente English!

Amberley, West Sussex, Inghilterra

Amberley

5. Brighton e il Luna Park vintage sul mare

Infine non perdetevi Brighton, forse la più famosa e turistica di tutte, affacciata sul Canale della Manica: siamo nell’East Sussex. Questa cittadina potrebbe non incantarvi come le precedenti, a meno che la visitiate in estate: infatti nella bella stagione potete godervi molto di più la sua spiaggia, il Luna Park sul molo (il famoso Brighton Pier) e i locali serali.

Nelle vie del centro ci sono delle boutique molto carine: se amate lo shopping fate assolutamente un salto da Cath Kidston, che si trova in Market Street e vende deliziose borse, abiti, cover per cellulari, accessori per l’ufficio e oggetti per la casa in stile shabby chic/new romantic. Io avrei comprato veramente di tutto!

Continuando invece su East Street arriverete al Royal Pavillon: si tratta di una enorme villa in stile orientale, costruita nel 1800 per mostrare all’Occidente la bellezza dell’Oriente. Di fronte ci sono dei bei giardini e d’inverno allestiscono anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Brighton, Inghilterra Brighton

Se vi fermate a cena, prima di rientrare su Londra (ci vorranno circa 2 ore di auto, sono 90 km), potete fermarvi da Donatello se vi manca la cucina italiana (ottime pizze e primi piatti, anche di pesce), oppure entrare in un tipico pub inglese come The Cricketers, che serve fish & chips, hamburger e dolci tradizionali in un ambiente caratteristico. Il primo si trova al numero 1-3 di Brighton Place, il secondo all’angolo tra Prince Albert Street e Black Lion Street.

Per vedere queste 5 cittadine potete organizzarvi partendo da Londra e dedicare mezza giornata a Stratford-upon-Avon, un’altra mezza giornata a Canterbury, infine una giornata intera per vedere insieme Arundel, Amberley e Brighton. La mia preferita? Sicuramente Amberley, ma anche a Canterbury ho lasciato un bel pezzo di cuore!

Spero che queste regioni del sud dell’Inghilterra vi affascinino come è capitato a me, che già sogno di tornarci per vederne altre più ad ovest e a nord. Se avete domande, come sempre lasciate un commento oppure scrivetemi un’email: mi fa sempre tanto piacere leggervi. 🙂


Se vi interessa fermarvi in Inghilterra più a lungo, magari per fare un periodo di vacanza-studio, a chi me lo chiede io suggerisco sempre i corsi della Kaplan, una scuola che organizza corsi di inglese a Londra per ragazzi dai 12 ai 17 anni ma anche per studenti over 25. L’esperienza è utile, io l’ho fatta negli anni del liceo ed è uno dei ricordi più belli che ho di quel periodo: forse è proprio da lì che ho iniziato ad amare il viaggio e l’incontro con persone da tutto il mondo! 🙂


Booking.com

Salva

Ti è piaciuto ciò che hai letto? Condividilo!

6 Commenti su Deliziosa Inghilterra: i borghi più affascinanti nei dintorni di Londra

  1. Giulia
    03/03/2017 alle 18:04 (2 mesi fa)

    Ciao Silvia e Maria…che belli i dintorni di Londra. Io, insieme ai miei amici, siamo partiti da Brindisi e siamo arrivati all’aeroporto di Stansed. Noleggiata un’auto ci siamo diretti nel nostro b&b nella zona appena fuori Londra. Che dire, Amberley e Arundel, stupende, ma a me è rimasta impressa Brighton e dal bellissimo panorama offerto da Brighton Wheel.

    Rispondi
  2. MARIA
    04/02/2017 alle 14:21 (3 mesi fa)

    Ciao Silvia, ti seguo e leggo sempre con molto piacere! Tornerò a Londra per la seconda volta a fine Marzo per 5 giorni. Partirò insieme a delle amiche e per loro sarà la prima volta. Vorrei dedicare un giorno ad una gita fuori porta,sarei orientata su Stratford ma leggendo il tuo racconto sono rimasta incuriosita anche dalle altre cittadine. Cosa mi consigli?
    Grazie in anticipo!

    Rispondi
    • Silvia Cartotto
      Silvia Cartotto
      04/02/2017 alle 16:58 (3 mesi fa)

      Ciao Maria, grazie del commento. 🙂
      Se hai un giorno solo io ti consiglio Amberley e Arundel, ed eventualmente in serata Brighton: meglio se avete la macchina così vi muovete più comodamente e senza vincoli di orari. Fammi poi sapere com’è andata!

      Rispondi
  3. Cristina
    02/02/2017 alle 15:27 (3 mesi fa)

    Cittadine davvero pittoresche! Mi hai davvero fatto venire voglia di partire subito per la campagna inglese! 😉

    Rispondi

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *