Le Marche tra Ancona e Macerata

Non ero mai stata nelle Marche.
E la settima tappa del tour enogastronomico da nord a sud Italia mi ha vista proprio gironzolare in questa regione tra le province di Ancona e Macerata, alla scoperta dei loro sapori più autentici, in un maggio assolato.

Weekend enogastronomico nelle Marche, tra Ancona e Macerata

Alloggiavamo all’Agriturismo Le Case, a pochi minuti dal centro di Macerata, immerso tra i campi di grano: camere sobrie, ambiente tranquillo. Ci tornerei domani, lo consiglio.
La prima mattinata ci vede al frantoio Gabrielloni vicino a Recanati dove, oltre a un grande olio, assaggiamo insieme a Gabriella, la proprietaria, anche una marmellata di olive squisita, che lei è stata la prima a sperimentare.
Per il pranzo ci spostiamo in centro ad Ancona da Enopolis, vicino al porto.
Ciauscolo, salumi e formaggi locali, pici cacio e pepe accompagnati dal Verdicchio di Matelica… poi giro delle antiche cantine del palazzo. Dopo pranzo, per sgranchirci un po’ le gambe, arriviamo fino alla chiesa del martire Ciriaco che si affaccia sul mare e le navi in partenza.
Al pomeriggio visita alla cantina Umani Ronchi ad Osimo, una delle realtà vinicole più belle del panorama italiano: sono i giorni delle cantine aperte, evento che prevede degustazioni e visite alla portata di tutti, e infatti c’è parecchio movimento ed euforia soprattutto nell’area degustazione. Tra un verdicchio e un pelago il gruppo è ormai affiatato, l’atmosfera è più che allegra: fin da subito mi accorgo che questo è senza dubbio il gruppo più compatto e gioioso del tour. Perchè sono le persone che fanno i viaggi, io lo dico sempre. Puoi essere nel posto più bello del mondo, ma se la compagnia non è quella giusta c’è poco da fare.
Quindi si ritorna in agriturismo per un po’ di relax, ma qualcuno ne approfitta per un’immersione nei campi di grano e qualche scatto al tramonto…
Alla sera finalmente ci addentriamo tra le vie di Macerata e ceniamo alla Trattoria da Rosa, una delle migliori cucine del maceratese: olive all’ascolana (che da sole valgono il viaggio), creme fritte, fusilli con ragù di anatra… Un locale semplice dalla cucina ricercata, consiglio pure questo!
Dopo cena due passi tra i vicoli: Macerata è una città viva, piena di universitari, angoli medioevali. Mi è piaciuta e non la conoscevo affatto, credo sia davvero sottovalutata. Andate a Macerata! 
Infine scendiamo tra viuzze deliziose fino alla loggia dei mercanti: da una finestra escono le note di Parlami d’amore Mariù. Sembra un film, ma è tutto vero.
Il giorno dopo è una calda domenica mattina: siamo a Jesi, al Caseificio Piandelmedico, tra bufale che hanno bisogno di contatto, di coccole. E ne abbiamo subito un esempio, quando ne arriva una e inizia a strusciarsi col muso su Antonio, il suo padrone. Dolcissima…
Pranziamo lì accanto, al Casino del Marchese, sempre di loro proprietà: e via con un bel tagliere di salumi e formaggi prodotti in loco (mozzarella di bufala, stracchino, ricotta, formaggi stagionati). Poi si continua con delle mezze maniche al cacio e pepe e degli gnocchetti sardi con salsiccia, radicchio e rosso conero serviti in un cestino di cacetto: quest’ultimo è stato di sicuro il miglior primo piatto dell’intero tour.
Arriva quindi il momento dei saluti, intorno a noi le colline profumano di primavera che è un piacere, ma il treno verso casa ci aspetta. Quella nelle Marche la ricorderemo come una tappa serena, giocosa e gioiosa: il bel mangiare italiano che ben si sposa con l’armonia della campagna marchigiana.
E alla prossima tappa si continua a scendere a sud… ai Castelli Romani!
Se vi siete persi le altre 6 tappe, le trovate qui. Tranquilli, ne mancano 3, il bello deve ancora arrivare!
(Visited 267 times, 1 visits today)

5 Commenti su Le Marche tra Ancona e Macerata

  1. Avatar
    Rose Mel
    13/03/2013 alle 11:59 (7 anni fa)

    Che bel giro! 😀
    A Macerata c'è una mia amica estone che sta vivendo lì per una sorta di praticantato. Sarebbe carino andarla a trovare 🙂

    Rispondi
  2. Avatar
    Barbara
    12/03/2013 alle 18:34 (7 anni fa)

    Bello ma il Santo è Ciriaco, non Cirano 😉

    Rispondi
  3. Avatar
    Davide Marrollo
    12/03/2013 alle 17:19 (7 anni fa)

    Bel giretto!!!! Sei stata proprio nella mia zona!!!! 😀

    Rispondi

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.