Vintage Turchia: Istanbul e la Cappadocia

Secondo appuntamento con la rubrica Viaggi Vintage: dopo New York è la volta di aprire l’album dei ricordi del 2001, quando a 15 anni sono stata insieme alla mia famiglia in Turchia, durante un tour tra Istanbul, Pamukkale e la Cappadocia.
Di Istanbul ricordo i tappeti per terra dentro alle moschee, quella Blu e quella di Santa Sophia. Ricordo i piedi nudi dei fedeli in ginocchio a pregare, ricordo il conseguente odore forte all’interno e la folla in attesa all’esterno.
Ricordo poi i borseggiatori che nella folla rubarono davanti a me un portafoglio ad una turista italiana.
Ricordo anche l’odore dell’incenso nell’aria, delle spezie nel mercato coperto e la mia ansia dopo aver visto quel furto: ho girato tutto il mercato con lo zaino sulla pancia anzichè sulla schiena.
Ricordo il lungo canto del muezzin all’alba, dal minareto dietro al nostro hotel e, di conseguenza, ricordo il sonno che avevo durante la giornata dopo quella “piacevole” sveglia.
Ricordo il tramonto color bordeaux sul Bosforo, sul traghetto che ci portava da una parte all’altra della città, dall’Europa fino all’Asia così, in pochi minuti.
E della Turchia oltre a Istanbul ricordo molto bene il tour che ci ha portato in Cappadocia passando da Pamukkale, un luogo che rischia di scomparire e che significa castello di cotone: già il nome è poesia. Non conosco bene il processo chimico in atto, ma per farla breve so che si tratta di fonti termali da cui sgorga acqua ricca di calcio e anidride carbonica, che va a formare strati bianchi di calcare e travertino, cioè quelle che qui sembrano delle vere e proprie cascate di ghiaccio.
Ricordo che ci dissero che per preservarle era meglio non camminarvi sopra, quindi solo poche aree erano visitabili da vicino: peccato, ma anche per fortuna. Purtroppo la natura è in continuo cambiamento e non è detto che tutto rimanga così com’è. Quindi sono felice di aver visto Pamukkale e le sue “piscine” a gradoni naturali, come le chiamavo io, prima che fosse troppo tardi.
 
E poi nei ricordi di questo viaggio turco ci sono la Cappadocia e i Camini delle Fate. Siamo in Anatolia, in un Parco Nazionale dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Si tratta di una distesa, su un altopiano, di abitazioni rupestri costruite nella roccia e nel tufo calcareo. Alcune di queste conformazioni naturali sembrano proprio dei camini, mentre cavità e grotte sono ancora oggi edifici abitati. Per me è stata una vera scoperta, un paesaggio decisamente lunare e mai incontrato prima di allora.
Ricordo che gli abitanti non volevano essere fotografati e allora ho messo via la macchina fotografica. Li ricorderò lo stesso così, come abitanti di un luogo lontano e magico come solo la Turchia ha saputo essere per me: una regina in un castello di cotone, attorniata da fate speziate e tramonti bordeaux.

Salva

(Visited 318 times, 1 visits today)

19 Commenti su Vintage Turchia: Istanbul e la Cappadocia

  1. Avatar
    V and S (zuckerfrei).
    10/03/2014 alle 23:32 (5 anni fa)

    Quanto mi piacerebbe fare un tour in Turchia. Questi paesaggi lunari mi fanno impazzire <3

    Rispondi
  2. Avatar
    Farah - Viaggi nel Cassetto
    08/03/2014 alle 1:09 (5 anni fa)

    Pamukkale, uno dei miei sogni più grandi.
    Mi piacciono questi articoli dal sapore "vintage" 🙂
    Ciao Silvia!

    Rispondi
  3. Avatar
    Benedetta
    27/02/2014 alle 20:34 (5 anni fa)

    Con questo post mi hai fatto ricordare quanta voglia ho di fare un viaggio in Turchia!

    Rispondi
  4. Avatar
    E.
    27/02/2014 alle 18:45 (5 anni fa)

    Ma che bello! E' un sacco che voglio andare in Turchia ma ancora non c'è stata occasione.. prima o poi 🙂

    Rispondi
  5. Avatar
    E.
    27/02/2014 alle 18:45 (5 anni fa)

    Ma che bello! E' un sacco che desidero andare in Turchia ma ancora non c'è stata occasione.. prima o poi 🙂

    Rispondi
  6. Avatar
    Silvia Cartotto
    27/02/2014 alle 15:07 (5 anni fa)

    Lo spero anche io, sono stata fortunata e spero di poterlo fare anche con i miei figli. Sperando che non sia solo un sogno e di potermelo permettere sempre!

    Rispondi
  7. Avatar
    Silvia Cartotto
    27/02/2014 alle 15:05 (5 anni fa)

    Beh credo che tu sia in tempo, non spariranno dall'oggi al domani. Ricordo solo che le preservavano già allora.

    Rispondi
  8. Avatar
    Silvia Cartotto
    27/02/2014 alle 15:04 (5 anni fa)

    No ma è da tempo che la sto puntando, sono certa sia bellissima.

    Rispondi
  9. Avatar
    Emanuela
    27/02/2014 alle 15:01 (5 anni fa)

    Bellissima Turchia!!!
    Hai mai visitato Matera? Ha le case nel tufo molto simili alla Cappadocia!

    Rispondi
  10. Avatar
    Mercoledì
    27/02/2014 alle 12:13 (5 anni fa)

    Casca a pennello perché la Turchia non ha mai smesso di farsi spazio tra i miei travel dreams 😉

    Rispondi
  11. Avatar
    Debora Caia
    27/02/2014 alle 12:13 (5 anni fa)

    penso che la Turchia ha davvero un fascino particolare.. prima o poi ci andrò.. si spera in tempo per vedere Pammukale 🙂

    Rispondi
  12. Avatar
    Live from Here
    27/02/2014 alle 11:20 (5 anni fa)

    Ho amato tantissimo Istanbul.
    Pamukkale e la Cappadocia sono piuttosto in alto nella mia lista dei desideri di viaggio… speriamo presto.

    Rispondi
  13. Avatar
    TheLondonHer
    27/02/2014 alle 10:55 (5 anni fa)

    Bel post Silvia!
    Io rimpiango sempre di non aver viaggiato molto da piccola con i miei, ho iniziato lo stesso giovane ma da sola e non con la famiglia!
    Se un giorno avrò dei figli vorrei che fossero dei viaggiatori già in tenera età… vorrei, chissà se sarà poi possibile!! 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.