Obbiettivo New York: la mia sfida sportiva

Settembre è da sempre l’inizio di un nuovo anno, proprio come quando si andava a scuola. In questo caso è un nuovo inizio ancor più grande perchè ho cambiato città e finalmente, dopo 9 anni insieme (inclusa una convivenza di 2 anni a Torino), io e the boy with the suitcase siamo sotto allo stesso tetto. Città nuova, scrivania di lavoro nuova, abitudini nuove.
A settembre si fanno i buoni propositi come a gennaio, ma ora la pelle è ancora calda dall’estate: si riordinano le idee, si fanno nuovi progetti, si sogna e… ci si iscrive in palestra.
Sì, sono anni che non lo faccio, ma oggi è un giorno speciale per me, che sono pigra (oltre che una buona forchetta). Mi sono iscritta in palestra.
Ma stavolta ho un buon motivo per farlo, ed io se ho un obbiettivo faccio tutto ciò che mi è possibile per raggiungerlo.
New York e le Torri Gemelle dall’Empire State Building, agosto 1997


Quell’obbiettivo si chiama New York.
(No, tranquilli, non sto parlando della maratona, avete presente quanto io odi correre?)

La mia sfida sportiva

Era fine luglio e, non so bene come, a cena con the boy with the suitcase si è aperta una scommessa. Alla fine ci siamo stretti la mano e ormai non posso tirarmi indietro.
La sfida è questa: dal 1° settembre al 30 giugno, per 10 lunghi mesi, io andrò in palestra (almeno) 2 volte a settimana, per un totale di 80 ingressi. Lavorerò nella sala attrezzi ma farò anche i corsi di gruppo (step, aerobica, tutto con la musica, lasciatemi almeno divertire). Se avrò impegni di lavoro, viaggi, se sarò malata o qualsiasi altro impedimento, recupererò gli ingressi persi entro la data finale. E, cosa più importante, arriverò al 30 giugno pesando 53 kg.
Non è impossibile, direte voi, perchè non sono obesa e lo so. Al momento in cui scrivo questo post peso poco meno di 58 kg, ma vario di giorno in giorno. In pratica voglio perdere 5 kg, tonificarmi un po’ e fare movimento innanzitutto perchè fa bene e poi perchè, quando non viaggio, lavoro tutto il giorno seduta al pc tra gestione email dei clienti, post da scrivere, foto da editare e social da programmare.
Sarebbe già abbastanza stimolante, è vero. Ma io se non ho una ricompensa allettante difficilmente posso combattere la pigrizia. E allora ecco il bello.
 
Se arriverò a fine giugno con 80 ingressi in palestra e 53 kg di peso, io avrò vinto la sfida e the boy with the suitcase la prossima estate mi porterà a New York per una settimana (volo, hotel e tutto ciò che faremo là incluso).
Se invece perderò (per perdere basta anche solo un grammo in più o un ingresso in meno), dovrò portarlo in Cambogia, uno dei suoi sogni.
Lui è convinto che l’estate prossima saremo in Cambogia perchè pensa che io nemmeno in questa occasione sarò costante (mi conosce bene), ma questa volta si sbaglia: noi due l’anno prossimo a quest’ora saremo appena tornati da una favolosa vacanza nella grande mela. Oh già! 😉
E poi chissà, magari mi sarò così abituata a tenermi in forma che continuerò a fare sport anche dopo quella data, il che mi farebbe solo bene. Io me lo auguro. 
Io però so che se hai un sogno, fai di tutto per arrivare dove vuoi.
A New York sono stata nel 1997 in vacanza con la mia famiglia: avevo 11 anni e ricordo benissimo soprattutto le Torri Gemelle, ve ne avevo parlato in questo articolo. Sogno di tornarci da tanto tempo.
Bene, il 2016 sarà l’anno dei miei 30 anni (a ottobre) e saranno passati 19 anni dalla mia ultima volta in America, un ottimo motivo per tornare a New York. Sarà cambiata e cresciuta tanto quanto me, se non di più.
Vi ho raccontato di questa sfida così che tutti lo sappiate ed io non abbia scuse. Più testimoni ci sono, più io non voglio deludere le aspettative di nessuno.
Non ho più dubbi: non so voi, ma io l’anno prossimo volerò a NEW YORK!
Tiferete per me? 🙂
(Visited 419 times, 1 visits today)

19 Commenti su Obbiettivo New York: la mia sfida sportiva

  1. Avatar
    EllE2772
    07/09/2015 alle 16:56 (4 anni fa)

    ho visto solo ora questo post… e l'ho trovato ILLUMINANTE.
    Bene, mi associo. Nel mio caso niente palestra, ma corsa o camminata almeno 30 minuti 4 volte a settimana. I kg da perdere sono 10. (Gli anni anche sono mooooolti di più). E la mia tabella di marcia, per esigenze di tempo libero, sarà dal 14/9 al 10/6 (la scuola di mo figlio, in pratica).
    In palio una vacanza al mare, ovvio, se no che prova bikini è? 😉
    VOLERE è POTERE, my sweet girl!

    Rispondi
  2. Avatar
    Silvia Cartotto
    03/09/2015 alle 15:34 (4 anni fa)

    Farò pilates e step oltre a qualche attrezzo; per ora iniziamo così. 🙂

    Rispondi
  3. Avatar
    roberta
    01/09/2015 alle 19:28 (4 anni fa)

    io adoro andare in palestra anche perchè dopo una giornata di lavoro è proprio quello che ci vuole epr scaricarsi un pochino, almeno per me! quindi adorerei follemente questa sfida..anche se in realtà non so quanto peso e non amo la bilancia! se vuoi rassodare ti consiglio il corso d yoga .. e buon divertimento a New York!!

    Rispondi
  4. Avatar
    Una penna in viaggio
    01/09/2015 alle 19:28 (4 anni fa)

    Volere è potere.

    In bocca al lupo! E se perdi male comunque non ti va;)

    Carlotta

    Rispondi
  5. Avatar
    Lu
    01/09/2015 alle 14:55 (4 anni fa)

    Diciamo che in un caso o nell'altro ci andrai bene 😀 Tifo per te in ogni caso! 🙂

    Rispondi
  6. Avatar
    Fraintesa
    01/09/2015 alle 14:55 (4 anni fa)

    Io preferisco la Cambogia a New York e penso che tu non debba perdere neanche un chilo…Però se hai questo obiettivo non posso che farti un grosso in bocca al lupo per raggiungerlo 😉

    Rispondi
  7. Avatar
    Barbara
    01/09/2015 alle 14:15 (4 anni fa)

    Che tu vinca o perda comunque non cadi male 😀

    Rispondi
  8. Avatar
    The Nature Jotter
    01/09/2015 alle 14:15 (4 anni fa)

    Che bella idea! Forse la prima volta che potrei decidermi anche io ad andare in palestra! 😀

    Rispondi
  9. Avatar
    Debora Caia
    01/09/2015 alle 11:20 (4 anni fa)

    eh però anche la Cambogia è allettante 😀

    Rispondi
  10. Avatar
    Serena Chiarle
    01/09/2015 alle 11:07 (4 anni fa)

    New York mi sembra un bello stimolo 😀
    Io faccio il tifo per te in questa sfida: unire l'utile al dilettevole è sempre una buona motivazione.
    E auguroni per il nuovo capitolo della vostra vita insieme 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.