Prendi la tua vita e fanne ciò che vuoi

Fine dicembre: mi piace ripensare all’anno appena trascorso.

Ho iniziato questo 2015 in montagna con le mie più care amiche e i rispettivi fidanzati. Uno dei Capodanni più belli, sia per i giorni trascorsi sia perchè dentro di me cresceva la certezza che qualcosa sarebbe cambiato. La mia vita, di lì a poco, sarebbe cambiata.

Ho dato il benvenuto al nuovo anno dicendogli che mi stava già simpatico. Sì, ci avevo visto giusto!

Prendi la tua vita

Bilancio del 2015, il mio anno

Il più grande ostacolo che ho incontrato lungo il cammino che mi vede qui oggi, freelance convinta e viaggiatrice felice, è me stessa. Con le mie paranoie, le mie paure e le mie insicurezze.

Ho capito che se vuoi qualcosa, te lo prendi e basta, senza fare troppe parole.

Ho imparato a pronunciare i sogni a voce alta, così ascoltandoli te ne convinci a poco a poco, sempre di più, pezzetto dopo pezzetto.

Ho saputo aspettare e poi ho saltato con il paracadute: ero ormai abbastanza forte per farcela da sola.

Ora, se ripenso a questo anno di viaggi e di lavoro (quello lasciato alle spalle e quello che ho ora, che mi sono costruita giorno dopo giorno da più di 6 anni), sorrido. Sorrido nonostante le persone perse e per quelle trovate, le nuove amicizie e i nuovi inizi, per la nostra nuova casa e la nuova vita in due.

Sorrido perchè ho chiuso le fatture del 2015 e sono soddisfatta: non importa se non ho le ferie, la malattia e la tredicesima. Io in malattia non ci andavo nemmeno mai (e speriamo di continuare su questa via) e in ferie mi ci sento anche mentre lavoro. Perchè amo ciò che faccio dalle 8.30 alle 19, con pausa pranzo a volte al pc; perchè non mi pesa e perchè investire sul mio sogno, e non sul sogno di un altro, è il miglior modo per sentirmi realizzata.

Ho alle spalle, a tutti gli effetti, l’anno più bello della mia vita. Quello che sognavo a dicembre 2014, con tutta me stessa. E non c’è niente di più bello nel pensare al 2016, sperando che sia all’altezza del precedente. Mi fermo e sfoglio l’album dei ricordi che ho nella mia testa (perchè lo sapete, le foto più belle sono quelle che non scatto).

12 mesi di viaggi

1. Penso a quanto mi sono goduta gli angoli più nascosti di Londra a gennaio.

2. Alle luci di Gent e delle Fiandre in un freddo fine febbraio.

3. Alla neve in Val di Fassa e agli sport fatti a Livigno a marzo. E poi a quel viaggio per raggiungere lui dall’altra parte del mondo a fine marzo, prenotato un mese prima alle 5 del mattino, con le gambe che mi tremavano. Penso a Singapore visitata da sola, alla mia Bali scoperta in coppia.

4. Agli incontri internazionali con i travel blogger di tutto il mondo, in Costa Brava, a Lloret de Mar; alla magia dei borghi sull’acqua del Lago di Garda, ad aprile.

5. A Creta e poi alla Finlandia, dal sud Europa al profondo nord in 2 settimane, sempre per lavoro, a maggio.

6. A quel gioiello di Anacapri, a quel paradiso della Costiera Amalfitana e al cibo divino del Cilento; al mio viaggio da sola in tenda in Toscana, a giugno.

7. E ancora, al bianco e al blu del Salento e ai sassi di Matera (a cui ho scritto una lettera d’amore), lo scorso luglio.

8. Penso al viaggio di agosto in tenda, on the road, tra Loira, Bretagna e Normandia.

9. Penso a settembre, al mese dell’assestamento, ma anche all’inizio della mia sfida sportiva.

10. Ripenso poi al Gargano in autunno, alla malinconia del Lago Maggiore, alla fiera del turismo di Rimini.

11. Alla mia prima volta in crociera nel Mediterraneo tornando a Spalato, in Croazia, e visitando per la prima volta il Montenegro, a Kotor, a novembre.

12. E infine penso ai mercatini di Natale di Rovereto, all’incanto di Bruges, nelle Fiandre, ai vicoli insoliti di Genova e al rosa delle Dolomiti al tramonto in Valle del Primiero, a dicembre.

E poi penso al prossimo ed ultimo viaggio del 2015, che non so ancora dove mi porterà: vado a concludere l’anno con un #Nataleasorpresa, un regalo di the boy with the suitcase.

Penso anche che non è importante quanto viaggi, ma come lo fai e dove lo fai. E sorrido anche perchè tutti i posti che ho visitato quest’anno mi hanno regalato qualcosa che mi ha fatta crescere, ancora una volta, nessuno escluso.

Fai della tua vita un sogno

Devo ancora rielaborare pensieri e immagini di molti di questi viaggi, ma è uno degli obiettivi dei primi mesi del 2016. Non ho grandi sogni per il nuovo anno, se non quello di continuare a fare della mia vita un sogno.

Già. Ho finalmente smesso di sognare ad occhi aperti: ho iniziato a vivere quei sogni. Sapete cosa significa essere orgogliosi del proprio cambiamento? Io ora lo so.

Fatelo anche voi, qualsiasi sia il vostro obiettivo. Fate quel salto che tanto desiderate fare. Che sia un viaggio, un lavoro nuovo, un’esperienza di vita all’estero. O una persona da raggiungere, un’altra da lasciarsi alle spalle, un progetto chiuso da troppo tempo in un cassetto. Via la paura, la pigriza o il timore di non farcela. Prendete in mano la vostra vita e fatene ciò che più volete. Una volta superato il primo ostacolo, tutto il resto è in discesa.

Auguri di cuore a tutti voi.

(Visited 793 times, 1 visits today)

22 Commenti su Prendi la tua vita e fanne ciò che vuoi

  1. Avatar
    Luana
    15/01/2017 alle 19:02 (2 anni fa)

    Ciao,
    ti seguo da un pò su twitter e mi piace leggere quello che scrivi e come lo scrivi…
    Mi hai fatto tornare la voglia di viaggiare ma soprattutto di fare quello che ti piace realmente fare..
    Sei stata anche dalle mie parti… Lago Maggiore…
    Complimenti per il tuo lavoro e per il passo che hai fatto..
    Luana

    Rispondi
    • Silvia Cartotto
      Silvia Cartotto
      16/01/2017 alle 9:12 (2 anni fa)

      Grazie mille Luana!
      Mi fa molto piacere leggere il tuo commento, questo post è stato infatti pensato per ispirare altre persone, tutti voi che lo leggete.
      Io abito ad un’oretta dal Lago Maggiore, sono di Biella, siamo vicine mi sa. 😉
      Un caro saluto!

      Rispondi
  2. Avatar
    Sabrina
    17/06/2016 alle 10:55 (3 anni fa)

    Che lista e che invidia! 🙂 Complimenti

    Rispondi
  3. Avatar
    Viaggio AnimaMente - 83saretta
    23/01/2016 alle 16:49 (3 anni fa)

    “investire sul mio sogno, e non sul sogno di un altro, è il miglior modo per sentirmi realizzata”

    Niente di più vero Silvi. <3 Brava, nella vita bisogna avere coraggio e tu ne hai avuto!
    Ti auguro un anno ancora più bello^^

    Rispondi
  4. Avatar
    Vincenzo
    28/12/2015 alle 7:58 (3 anni fa)

    Come scrivi bene e che bei concetti! Io lo vedo come un segnale per quello che devo fare, come dice Coelho bisogna interpretare i segnali!
    Grazie

    Rispondi
    • Silvia Cartotto
      Silvia Cartotto
      02/01/2016 alle 0:48 (3 anni fa)

      Mi fa piacere essere stata un segnale per te. Buona fortuna 🙂

      Rispondi
  5. Avatar
    Monica I viaggi di Monique
    23/12/2015 alle 17:25 (3 anni fa)

    Che bello leggere di sogni che si realizzano e di paure che si trasformano in grandi soddisfazioni, brava e grazie. Grazie perché a volte le parole giuste riescono davvero a spronare e a far diventare i sogni in realtà! Una nuova vita da libera professionista da quasi due anni e tanta voglia di fare la vita che voglio, che mi rende felice. Buoni viaggi e a questo punto buona New York ! Un abbraccio. ;)Monica

    Rispondi
  6. Avatar
    Elisa
    22/12/2015 alle 18:52 (3 anni fa)

    Ho scritto un post molto simile da inguaribile freelance per scelta quale sono! Ed è così bello leggere le tue parole 🙂
    Avevo scritto anche un altro commento ma non lo trovo. Quello precedente finiva con una richiesta: viaggiamo un po’ di più insieme l’anno prossimo!
    eli

    Rispondi
  7. Avatar
    Daniela
    22/12/2015 alle 14:43 (3 anni fa)

    Buttarsi a capofitto nei sogni…niente di più bello! Ti auguro un 2016 sempre più ricco di soddisfazioni! Un abbraccio Pazzesco lo ad una ragazza davvero speciale! Dany

    Rispondi
  8. Avatar
    Pam
    22/12/2015 alle 14:18 (3 anni fa)

    Quanto mi rivedo in questo tuo splendido post Silvia! Brava, sei stata coraggiosa e audace, e grazie per averlo condiviso qui, per spronare tutti noi a vivere una vita più libera, più felice 🙂

    Rispondi
  9. Avatar
    Valentina
    22/12/2015 alle 11:40 (3 anni fa)

    E qual è stata la scintilla che ti ha spinto a buttarti?

    Rispondi
      • Avatar
        Valentina
        23/12/2015 alle 11:10 (3 anni fa)

        Complimenti per il coraggio 🙂 vorrei fare anche io quel passo… Consiglio al volo per chi si vuole buttare?

        Rispondi
  10. Avatar
    Lucrezia & Stefano - in World's Shoes
    22/12/2015 alle 11:07 (3 anni fa)

    Che bello sentir parlare di tutti questi sogni realizzati. Ti dà la forza , ti fa capire che se ti impegni E se ci metti tutta la tua passione e il tuo cuore puoi riuscirci.. Che non é solo un idea lontana ma una realtà raggiungibile! Buone feste Silvia e buon NataleaSorpresa! Che questo 2016 sia ancor più bello dell’anno appena trascorso! 🙂

    Rispondi
  11. Avatar
    Carlotta
    22/12/2015 alle 9:44 (3 anni fa)

    Ciao Silvia!
    Sono molto contenta per te e di questo anno meraviglioso che hai trascorso. Vedere che realizzare i propri sogni è possibile è un messaggio positivo per tutti!
    Quando ho finito l’università la prima cosa che ho pensato è stata: “ma cosa mi piace veramente fare?”.
    Ed hai ragione quando dici che essere freelance è soddisfacente, perchè non c’è niente di più bello di un lavoro che si ama!
    Un caro saluto,
    Carlotta

    http://www.unapennainviaggio.it/

    Rispondi
    • Silvia Cartotto
      Silvia Cartotto
      22/12/2015 alle 9:54 (3 anni fa)

      Grazie Carlotta, sono felice che il messaggio ti sia piaciuto. Auguroni a te!

      Rispondi

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.