Fête des lumières: l’incanto della Festa delle Luci di Lione

La scoprii per caso, una sera d’estate, parlando con un lionese. Ogni anno accorrono turisti da tutto il mondo, mi disse, e Lione assume le sembianze di una città incantata, impossibile da descrivere con le parole. Così, in meno di un minuto, mi convinse che la festa delle luci di Lione fosse un evento davvero imperdibile e prenotai il mio viaggio la sera stessa. Inutile dire che avesse ragione.

la festa delle luci di Lione

L’origine della festa delle luci di Lione

Nel 1643 i consiglieri di Lione salirono sulla collina di Fourvière che sovrasta la città e si recarono in una piccola cappella dedicata alla Vergine Maria per chiederle di proteggere i lionesi dall’epidemia di peste che si stava diffondendo in Francia. Quell’anno l’epidemia cessò e i consiglieri rispettarono il voto fatto omaggiando ogni anno la Vergine in occasione della festa della Natività di Maria che si celebra l’8 settembre.

Nel 1852, in occasione di questa ricorrenza, si sarebbe dovuta tenere l’inaugurazione della nuova statua raffigurante la Vergine che si erge sul campanile. A causa di un’alluvione i festeggiamenti vennero posticipati all’8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, ma un temporale impedì l’accensione dei fuochi pirotecnici. Quando le condizioni meteorologiche migliorarono, i lionesi iniziarono spontaneamente ad accendere lampioncini e candele illuminando le facciate delle proprie case, in segno di adorazione.

Fu così che quella sera nacque la festa delle luci di Lione.

fête des Lumières

La festa oggi

Dal 1989 il comune di Lione iniziò a proporre installazioni luminose in tutti i maggiori siti della città e nel corso degli anni la festa ha assunto un carattere sempre più internazionale avvalendosi di professionisti dell’illuminazione artistica provenienti da tutto il mondo che sfruttano le moderne tecnologie per dare vita a palazzi, sculture, fiumi e parchi. Attualmente la festa si sviluppa nell’arco di 4 giornate intorno all’8 dicembre, prevede più di 40 installazioni artistiche dislocate in tutta la città e attira circa 3 milioni di visitatori.

Ogni sera, dopo il tramonto, la città intera si trasforma in una meravigliosa opera d’arte luminosa, tutte le strade ed i palazzi prendono vita, raccontano storie e trasportano gli spettatori in una dimensione magica e travolgente. Lo stupore visivo è accompagnato da quello olfattivo: i tipici bouchons, piccoli bistrot che costellano le vie del centro, servono le loro calde prelibatezze direttamente all’esterno, in comode confezioni take away e per riscaldare mani e palato non mancherà mai un buon bicchiere del profumatissimo vin chaud.

L’affluenza è altissima per cui è consigliabile studiare bene le tappe che si desiderano fare e seguire i percorsi indicati, munirsi di pazienza e di vestiti comodi e pesanti. Queste precauzioni permettono di superare facilmente le piccole difficoltà date dal freddo e dal sovraffollamento e di godere a pieno della meravigliosa atmosfera della festa. 

festa delle luci

La città di Lione

Lione è la terza città più grande della Francia e si trova nella zona sud-orientale del paese. Sorge alla confluenza dei fiumi Rodano e Saône ed è adagiata su due colline, quella di Fourvière e quella di Croix-Rousse. È una città elegante e vivace, ricca di storia ma anche di locali moderni e famosi ristoranti.

Le sue dimensioni permettono di visitarla a piedi per apprezzare ogni angolo e cortile ed è definita capitale del gusto della cucina francese. Il centro storico, Vieux Lyon, è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e una sua peculiarità è costituita dai famosi traboules, passaggi segreti che consentono di spostarsi da un edificio all’altro, anticamente utilizzati dai tessitori di seta per trasportare agevolmente le merci tra i diversi laboratori artigianali in caso di maltempo.

Informazioni utili

Tutte le informazioni legate all’evento sono reperibili sul sito ufficiale della festa, disponibile in francese ed inglese, da cui è possibile scaricare la mappa della città con le indicazioni per tutte le installazioni luminose. Esiste anche una comoda applicazione per smartphone dedicata alla festa e scaricabile su tutti dispositivi mobili.

Infine, ecco il video dell’edizione a cui ho assistito io, così capirete meglio l’atmosfera.

Buona festa delle luci di Lione!


Articolo di Giulia Bi – Folclore Specialist del Club delle ragazze con la valigia

Giulia ama girovagare senza meta fino a perdersi, conoscere nuovi amici in ogni posto del mondo e ascoltare meravigliata aneddoti e leggende locali. Sogna di pattinare in un lago ghiacciato.

Folclore Specialist

(Visited 89 times, 1 visits today)

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.