Weekend tra Grimaldi e Mentone: la festa dei limoni

La Costa Azzurra è sempre la meta ideale per qualche giorno di mare, senza allontanarsi troppo. Soprattutto per piemontesi e lombardi, la Costa Azzurra è un po’ la “ casa al mare” di tutti. Non troppo francese, con prezzi non sempre inaccessibili, vicinissima all’Italia. Perfetta anche in inverno? Assolutamente sì, soprattutto nel mese di febbraio, quando a Mentone c’è la festa dei limoni. Come organizzare quindi un weekend tra Grimaldi e Mentone, durante il famoso carnevale francese?

porto di Mentone

Festa dei limoni: la storia del carnevale

Perché proprio a Mentone, un carnevale dedicato a questo agrume? Come nacque la Fête du Citron? Tutto cominciò nel 1895, quando alcuni albergatori di Mentone proposero al Comune di organizzare una sfilata per animare la città durante il periodo invernale. Dall’anno successivo, il 1896, la parata divenne sempre più importante, attirando ogni anno milioni di visitatori da ogni parte del mondo. Non solo: tantissimi re, principi e personaggi famosi vennero così attratti dalla Mentone invernale, che decisero di farsi costruire splendide ville in città. Ma, a detta di tutti, l’ospite d’onore fu la Regina Vittoria, che assistette alla parata nel 1882, rendendola ancora più celebre.

festa dei limoni, Mentone

Perché successivamente il limone divenne il protagonista della parata? Per capirlo dobbiamo di nuovo fare un passo indietro e arrivare al 1929, quando la città di Mentone è la prima produttrice al mondo di limone. Un albergatore ebbe l’idea di organizzare un’esposizione di fiori e agrumi nei giardini dell’Hotel Riviera. Il successo fu inaudito: l’anno successivo la festa uscì dal giardino dell’hotel e scese in strada. Parate con carri colorati e con profumati arbusti di piante d’arancio e limone fanno il giro della città. Ci vuole ancora qualche anno, ma nel 1934 viene indetta ufficialmente la Festa del Limone di Mentone e da allora, intorno al weekend di San Valentino e per le successive due settimane, la tradizione si ripete.

È il 1936 quando viene lanciata la prima esposizione d’agrumi e fiori nei Giardini Biovès ed è François Ferrié ad essere incaricato di abbellire i carri e le sculture di arance e limoni.

arance e limoni, Mentone

Festa dei limoni: curiosità, la tradizione dei Moccoletti

Avete presente cosa significhi il detto: “reggere il moccolo?”. Significa, suppergiù, tenere la candela per qualcun altro che ne ha bisogno e pare che l’espressione sia stata coniata quando gli schiavi reggevano le candele per far luce durante gli spostamenti dei signori. Bene, la tradizione dei Moccoletti ha a che fare con le candele, che devono essere tenute il più possibile accese.

Come funziona? Ogni persona ha una piccola candela accesa e il gioco consiste nel riuscire a mantenere la propria candela illuminata, mentre si soffia sulla candela del proprio vicino o vicina. Pare proprio che in passato questo gioco fosse un pretesto per fare incontri amorosi o corteggiare qualcuno di speciale. E oggi? Andate e scopritelo voi stessi!

La festa dei limoni oggi

Sculture di limoni e arance, esposizioni, carri, orchestre, sfilate notturne e fuochi d’artificio, giochi di luce, il centro della festa sono i magnifici Giardini Biovès. Il modo migliore per non perdervi niente ed evitare lunghissime code è prenotare i vostri biglietti online. Potete farlo attraverso questo sito.

alberi di limoni, Francia

Weekend tra Grimaldi e Mentone: dove dormire e cosa fare

Se non volete alloggiare direttamente a Mentone, che nei giorni della festa dei limoni può avere prezzi proibitivi essendo in alta stagione, potete decidere di alloggiare nei paraggi. Nella vicina Ventimiglia, che dista una decina di chilometri da Mentone ed è sul mare, o ad esempio a Dolceacqua, che nonostante sia distante una ventina di chilometri, è un borgo dell’entroterra incantevole, che merita la vostra attenzione.

Ma se non volete proprio allontanarvi da Mentone, allora quello che vi consiglio è una chicca: alloggiate a Grimaldi superiore, una minuscola frazione di Ventimiglia, posta proprio sul confine francese, ma a 220 metri sul livello del mare. Meno di 200 abitanti, pochissime case inaccessibili ma con una splendida vista sul mare e sulla città di Mentone. Se siete in vena di romanticismo, è il posto giusto per voi!

tramonto su Mentone


Booking.com

E poi? Cos’altro fare? Siete vicinissimi alla famosa spiaggia Balzi Rossi. Una passeggiata qui, anche con il mare agitato, è d’obbligo. Potreste avere l’occasione di ammirare uno dei tramonti invernali più belli che abbiate mai visto.

Balzi Rossi, tramonto

Weekend tra Grimaldi e Mentone: shopping!

Cosa comprare, dove, perché? Durante la festa dei limoni tutto si tinge di giallo e profuma di agrumi. Vi consiglio una passeggiata e uno sguardo ai meravigliosi negozi che si trovano nel centro storico della città. Le famose e inconfondibili saponette francesi, che troverete ovunque al profumo di limone, souvenir, stampe e oggetti vintage. Ma lasciatevi anche tentare dalla strepitosa pasticceria francese, per conoscere la città fino in fondo.

limoni di Mentone


Articolo di Elisa MidelioBorghi Lover del Club delle ragazze con la valigia

Elisa, 28enne, torinese. Ama i tramonti sul mare, gli on the road, il profumo al frangipane. Dorme su un cuscino a forma di nuvola e sotto la mappa del mondo. Il suo sogno? L’Africa dai mille colori.

Elisa Midelio

(Visited 46 times, 1 visits today)

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.