Maratea: posti speciali in cui andare e cose tipiche da provare

Maratea è l’unico comune della Basilicata affacciato sul mare Tirreno, un gioiellino incastonato tra Campania e Calabria, nel bel mezzo del Golfo di Policastro, nei 32 chilometri di costa lucana costellati di insenature, baie e scogliere.

Lo sfondo è un mare blu, cristallino e pulito, e il verde della macchia mediterranea. La natura qui è prorompente, siamo circondati da ben tre parchi naturali: il Parco nazionale del Pollino a sud-est e a nord i Parchi nazionali dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese e del Cilento e Valle di Diano. Un luogo speciale, che merita di essere visitato, assaporato, vissuto.

Che cosa fare a Maratea

Le spiagge di Maratea

Del resto siamo al mare, e che mare: il Tirreno e la costa danno davvero il massimo qui, tra scogliere a picco, grotte naturali e acqua trasparente. Di spiagge ce ne sono per tutti i gusti, una più bella dell’altra: Cala Jannita, con la sua sabbia scura; Illicinni, una bella spiaggia di sassi, la spiaggia del Macarro, circondata dal verde. Fiumicello è adatta ai bambini, più a sud si trovano Maremorto e la spiaggia del Crivo.

spiaggia di Maratea

Una giornata in barca

Via mare si possono raggiungere bellissimi isolotti, come l’isola di Santo Janni, e molte baie sono raggiungibili via mare, come le spiagge Funnicu Reggiu e d’i Vranne. Nascoste tra le scogliere, inoltre, si trovano tantissime grotte (sono 131, tra marine e terrestri), ad esempio le grotte di San Giorgio e dei monacelli. Si può noleggiare direttamente una barca oppure scegliere di partecipare a una delle tante escursioni che ogni giorno partono dal porto turistico.

Maratea porto, Basilicata

Una visita a Castrocucco, quasi al confine con la Calabria

Dalle torre Caina, che si trova proprio a picco sul mare, il panorama è mozzafiato. La spiaggia della secca merita almeno un bagno.

Una passeggiata al borgo di Maratea

Già la strada per arrivarci, tutta curve e panorami, è uno spettacolo, e il paesino non è da meno. Stradine, piazzette, balconi fioriti, palazzi nobiliari, il piccolo borgo fa uno splendido effetto anche di sera, con le mille lucine di locali e ristorantini dove assaggiare la cucina tipica. La chiamano la città delle 44 chiese, perché custodisce proprio 44 luoghi di culto, molti vere e proprie chicche. È pulito e ben tenuto.

Maratea, Basilicata

Una visita al Redentore, il simbolo di Maratea, in cima al Monte San Biagio

Non sarà Rio, ma la vista dall’alto sulla costa lucana e calabrese è davvero bella! Potete lasciare la macchina al parcheggio (a pagamento) e prendere la navetta al costo di 1 euro. Il monte offre anche la possibilità di fare belle passeggiate, con sentieri panoramici ben segnalati. Per la gioia degli amanti del trekking!

Altre cose da non perdere durante un weekend a Maratea

  • Immergersi nella natura del Parco Naturale del Pollino: si possono fare bellissime passeggiate e partecipare alle escursioni in mountain bike o a cavallo.
  • Una bella bottiglia di Aglianico: è il vino principe della Basilicata, rosso, corposo, perfetto in abbinamento a salumi, formaggi e alla tipica cucina lucana.

Aglianico, vino lucano

  • Un assaggio delle specialità della cucina della Basilicata. I peperoni cruschi sono uno sfizio che trovate solo in questa regione. Qui sono ottime le verdure, salumi e formaggi, le salsicce, la pasta fatta in casa. Potete provare cucina di mare e di terra. Non saltate la tappa alla pasticceria Panza, nel centro di Maratea, e assaggiate il bocconotto all’amarena.
  • Un giretto nei dintorni, tra i borghi-presepe della Basilicata: Rivello, Lagonegro, Trecchina, tutti e tre a breve distanza da Maratea.

panorama di Maratea

Maratea è un luogo incantevole e suggestivo, perfetto per chi cerca il relax ma anche per chi è sempre in cerca di posti nuovi da scoprire e visitare. Offre divertimento agli sportivi e a chi ama camminare e fondali super per chi pratica pesca subacquea e ama fare immersioni. con i suoi promontori a picco sul mare e i panorami mozzafiato, poi, è uno spettacolo per gli occhi. State già pensando a cosa mettere in valigia? 😉


Articolo di Mariachiara Manopulo – Food&Wine e Motorbike Lover per il Club delle ragazze con la valigia

35 anni, Digital PR. Vagabonda e food lover per vocazione: la prima cosa che cerca in un posto nuovo sono i piatti tipici e i vini locali. Silvio, suo marito, la segue ovunque, meglio se sulle due ruote.

Mariachiara Manopulo

(Visited 37 times, 1 visits today)

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.