Cosa fare ad Atene in un weekend

La capitale della Grecia è un vero e proprio scrigno dei tesori per gli amanti della storia, e vi stupirà con quartieri vivaci, divertenti e trendy. Certo, merita una visita approfondita, ma rappresenta anche una meta perfetta per un weekend, magari prima di salpare per qualcuna delle meravigliose isole che si possono raggiungere in poche ore di nave. Vediamo che cosa non perdere durante il vostro weekend ad Atene!

Cosa fare in un weekend ad Atene

Il primo giorno sicuramente deve essere dedicato alla visita dell’Acropoli. Ovvio, non si può venire ad Atene e non salire subito ad ammirare questo capolavoro, il simbolo della Grecia, che vi farà fare un vero e proprio tuffo nell’antica civiltà classica.

Il Partenone, l’Eretteo, il tempio di Atena Nike, i Propilei: quei monumenti che tutti abbiamo visto nei libri di storia dell’arte e che abbiamo immaginato studiando gli antichi greci sono proprio lì, davanti ai vostri occhi. La vista da lassù è spettacolare e abbraccia tutta la città.

Dall’Acropoli si può scendere fino al meraviglioso teatro di Dioniso, dove ancora oggi, in certi periodi dell’anno, vengono rappresentate alcune tragedie. Non perdete poi il Museo dell’Acropoli, modernissimo e luminoso, dove sono esposti moltissimi pezzi appartenenti ai diversi monumenti dell’Acropoli, come le Cariatidi originali (quelle nell’Eretteo sono copie).

Nella galleria del Partenone, grazie ad una combinazione di pezzi originali e copie – di quelli attualmente esposti al Louvre e al British Museum -, i visitatori possono vedere esattamente com’era il famoso fregio di Fidia. Nel periodo estivo, il museo è aperto tutti i giorni dalle 8 alle 20 tranne il lunedì, giorno in cui chiude alle 17. Nel periodo invernale è aperto tutti i giorni fino alle 17. I biglietti costano 5 euro nel periodo invernale e 10 nel periodo estivo e si possono acquistare online.

weekend ad Atene Atene

Terminata la visita è ora di rilassarsi. Scendete giù a piazza Monastiraki e partite alla scoperta della Plaka. Questo è sicuramente uno dei quartieri più vivaci e colorati della città, con le sue stradine, i negozietti di souvenir, le piccole taverne e una vista mozzafiato dell’Acropoli. Fate un po’ di shopping, concedetevi una bella Mithos all’ombra, seduti ai tavoli di uno dei tanti locali e iniziate a pensare a dove fermarvi per cena.

Mangiare in una taverna greca è una esperienza deliziosa per il palato: ce ne sono tante, in tutte si mangia più o meno bene: scegliete quella che vi ispira di più e ordinate pita e tzaziki, moussaka, keftedes, dolmades per immergervi nei sapori ellenici, magari con vista Acropoli illuminata. Ah, non dimenticatevi l’ouzo, a volontà!

Secondo giorno del vostro weekend ad Atene

Dopo una bella dormita sarete pronti a continuare l’esplorazione di Atene. Scoprite la culla della democrazia sulla collina di Pnice: proprio qui gli ateniesi si riunivano in assemblea, qui parlavano Pericle, Aristide, Demostene, e i più grandi oratori greci. Potete poi fare una bella passeggiata nell’antica agorà, sempre nei pressi di Monastiraki, o seguire la piacevolissima passeggiata pedonale che attraversa il centro storico di Atene, lunga circa 3 km: un vero e proprio museo all’aperto che collega i siti più significativi della città, e inizia di fronte al tempio di Zeus Olimpio (il tempio più grande di tutta la Grecia).

Atene in un weekend

Dedicate il pomeriggio al museo più importante del paese: il Museo Archeologico. Sono tantissimi i reperti esposti, alcuni molto famosi. Ad esempio, la maschera di Agamennone, tutta d’oro: me la ricordo benissimo nel mio libro di storia dell’arte al liceo. Da aprile a ottobre il biglietto costa 12 euro, nel resto dell’anno 6; anche gli orari di apertura cambiano a seconda del periodo dell’anno: in inverno il museo è aperto dalle 8 alle 17, in primavera e estate fino alle 20. Il martedì è sempre aperto solo di pomeriggio fino alle 20.

Prima che arrivi il tramonto, salite alla collina del Licabetto, per vedere lo spettacolo del sole che cala sulla città. Trascorrete la serata a Psyrri, a due passi da Monastiraki, assaggiando ciò che vi manca della cucina greca e facendovi trascinare dalla movida ateniese.

Avete ancora un po’ di tempo? Potete visitare lo stadio Panathinaiko. È uno stadio completamente in marmo, il luogo che nel 1896 ha ospitato i primi giochi olimpici dell’età moderna. Questo, già nel III secolo a. C. era il luogo deputato alle competizioni sportive, indette in occasione delle Panatenee, per celebrare la dea Atena. Lo stadio è aperto tutti i giorni e si può visitare con l’ausilio di un’audio guida.

Se venite ad Atene in estate non perdete l’opportunità di assistere ad uno spettacolo del Festival di Atene al meraviglioso teatro di Erode Attico.

weekend ad Atene

Dove dormire ad Atene

Se siete in partenza per le isole, e dovete prendere un traghetto la mattina presto, la soluzione ideale è dormire al Pireo. Il quartiere del porto di Atene è ben collegato al centro dalla metropolitana, per cui potrete tranquillamente visitare la città e poi rientrare per la notte. Ci sono tantissimi alberghi che vi permetteranno di alzarvi all’ultimo momento senza rischiare di perdere il traghetto.

Se invece volete passare semplicemente un weekend ad Atene, potete alloggiare a Plaka, così sarete nel pieno della vita ateniese e a pochi passi dalle principali attrazioni.

Atene, weekend


Articolo di Mariachiara Manopulo – Food&Wine e Motorbike Lover per il Club delle ragazze con la valigia

Digital PR, vagabonda e food lover per vocazione: la prima cosa che cerca in un posto nuovo sono i piatti tipici e i vini locali. Mamma di un piccolo esploratore, quando può si ritaglia qualche giorno per un viaggio di coppia, meglio sulle due ruote. Da poco ha inaugurato il blog Travellitudine.

Mariachiara Manopulo

(Visited 49 times, 1 visits today)

Lascia un commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Commento *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.